LA PORTA SANTA

Il segno della Porta Santa, che caratterizza così fortemente il Giubileo, evoca il passaggio che ogni cristiano è chiamato a compiere dal peccato alla grazia. Leggi…

GIUBILEO VIRTUALE

Editorial

Certificato di Partecipazione

In occasione dell’Anno Santo 2016, il portale Il-Giubileo2016.com ha pensato di fornire ai suoi visitatori uno spazio virtuale il cui intento è quello di riunire tutti coloro che condividono lo spirito del Giubileo. Attraverso l’iscrizione alla Community de “Il-Giubileo2016.com” è infatti possibile esprimere la propria partecipazione virtuale ed ottenere il Certificato di Adesione alla Community. Leggi…

Videos


L'ANNO SANTO

COSA È IL GIUBILEO

Un grande evento religioso

 

Nella tradizione cattolica il Giubileo, o Anno Santo, è un grande evento religioso. È l’anno della remissione dei peccati e delle pene, è l’anno della riconciliazione tra i contendenti, della conversione e della penitenza sacramentale e, di conseguenza, della solidarietà, della speranza, della giustizia, dell’impegno al servizio di Dio nella gioia e nella pace. L’anno giubilare è soprattutto l’anno di Cristo, portatore di vita e di grazia all’umanità.


Le sue origini si ricollegano all’Antico Testamento. La legge di Mosé aveva fissato per il popolo ebraico un anno particolare: «Dichiarerete santo il cinquantesimo anno e proclamerete la liberazione nel Paese per tutti i suoi abitanti. Sarà per voi un giubileo; ognuno di voi tornerà nella sua proprietà e nella sua famiglia. Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo; non farete né semina, né mietitura di quanto i campi produrranno da sé, né farete la vendemmia delle vigne non coltivate. Poiché è il giubileo, esso vi sarà sacro; potrete però mangiare il prodotto che daranno i campi precedentemente coltivati».


La tromba con cui si annunciava questo anno particolare era un corno d’ariete, che in ebraico si dice Yobel, da cui deriva la parola Giubileo. La celebrazione dell’Anno Santo comportava, tra l’altro, la restituzione delle terre agli antichi proprietari, la remissione dei debiti, la liberazione degli schiavi e la proibizione di coltivare la terra.


Nel Nuovo Testamento, Gesù si presenta come Colui che porta a compimento l’antico Giubileo, essendo venuto a «predicare l’anno di grazia del Signore».


Il Giubileo viene chiamato Anno Santo, non solo perché inizia, si svolge e si conclude con solenni riti sacri, ma anche perché è destinato a promuovere la santità di vita. E’ stato istituito infatti per consolidare la fede, favorire le opere di solidarietà e la comunione fraterna all’interno della Chiesa e nella società e richiamare e stimolare i credenti ad una più sincera e coerente professione di fede in Cristo unico Salvatore.


Il Giubileo può essere: “ordinario”, se legato a scadenze prestabilite, e “straordinario”, se viene indetto per qualche avvenimento di particolare importanza. Gli Anni Santi ordinari celebrati fino ad oggi sono stati 26.


La consuetudine di indire Giubilei straordinari risale al XVI secolo: la loro durata è varia, da pochi giorni ad un anno. Nel XX secolo sono stati indetti due Anni Santi straordinari: il primo nel 1933, proclamato da Papa Pio XI in occasione del XIX centenario della Redenzione, ed il secondo nel 1983, indetto da Papa Giovanni Paolo II per i 1950 anni della Redenzione di Cristo attraverso la sua Morte e Resurrezione avvenuta nell’anno 33. Nel 1987 Giovanni Paolo II ha indetto anche un Anno Mariano.


Il Giubileo 2016, Anno Santo Straordinario promulgato da Papa Francesco, è il primo Giubileo Straordinario di questo millennio.